Regolamento Surfcasting Provinciale Roma 2015



FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA' SUBACQUEE



Viale Tiziano, 70 - 00196 ROMA



Settore Acque Marittime

SELEZIONI PROVINCIALI di SURF CASTING 2015

INDIVIDUALE E PER SOCIETA’

Comitato PROVINCIALE DI ROMA

La manifestazione è regolamentata da: Circolare Normativa 2015

PROGRAMMA MANIFESTAZIONE

Il Campionato Provinciale di Roma 2015 di Surf Casting Individuale e per Società si svolgerà in 4 prove per ogni atleta e squadra.

Di seguito le date, località e gruppo delegato all’organizzazione:




Date eventuale recupero 30 maggio – 21 novembre


REGOLAMENTO PARTICOLARE

Art. 1 – DENOMINAZIONE
La Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee indice le prove di Selezione Provinciale “Campionato Provinciale di Surf Casting Individuale e per Società 2015”, che dovrà terminare inderogabilmente entro il
31.11.2015, e determinerà il diritto a partecipare alle fasi successive
.

Art. 2 - ORGANIZZAZIONE
Le prove sono organizzate dal Comitato Provinciale FIPSAS di Roma e dalle Associazioni partecipanti al campionato.

Per una migliore organizzazione delle competizioni, tutte le Associazioni partecipanti sono obbligate a dare il loro contributo concreto; pertanto esse sono suddivise in 5 gruppi in modo da poter avere, per ogni gara, circa 50 persone che si occuperanno della gestione dell’organizzazione.
Anche agli atleti/organizzatori sarà data una penalità, e sarà di 5.5 per i presenti e 11 per gli assenti.

Questa la suddivisione dei gruppi:

Gruppo A: - BARRACUDA – SPARUS AURATA – IL PIRATA SURF CASTING TEAM – TEAM CAERE

Gruppo B: - SALARIO PESCA – NEW MISTRAL – MARTIN PESCATORE – RACHELE FISHING TEAM

Gruppo C: - IL GRONCO – PESCAGONISMO CIVITAVECCHIA – FISHING EVOLUTION – SEA STORM

Gruppo D: - CREW OSTIA – SEA BASS – PESCAMANIA ACILIA – SC ROMA

Gruppo E: - FISHERMEN – PESCAMANIA CIVITAVECCHIA – TEAM ROSES – PASSOSCURO

Ogni gruppo provvederà a nominare, e comunicare al Comitato Provinciale, il direttore Direttore di Gara ed il Segretario.
Compete alle Società organizzatrici richiedere ed ottenere le autorizzazioni necessarie per lo svolgimento delle prove.
La FIPSAS è sollevata da ogni e qualsiasi responsabilità organizzativa.
La manifestazione è retta dalla Circolare Normativa del corrente anno e dal presente Regolamento Particolare. Tutti i partecipanti, per effetto della loro iscrizione, dichiarano di conoscere e accettare le norme contenute nelle Carte Federali citate.

Art. 3 - PARTECIPANTI
Alla manifestazione sono ammessi tutti gli atleti in regola con il tesseramento come disposto dalla Circolare Normativa 2015

Art. 4 - SVOLGIMENTO
La competizione si svolgerà in 4 prove della durata massima di cinque ore;

Art. 5 - CAMPO DI GARA
Il campo di gara dovrà essere diviso in settori con massimo 10 Atleti. Le postazioni dovranno essere minimo 15 metri ed ogni Atleta dovrà posizionarsi tra il proprio picchetto e quello successivo. Alla fine del campo gara, ovvero della zona, dovrà essere posizionato un picchetto indicante la fine del campo o zona (FC).

Art. 6 - ISCRIZIONI
Le iscrizioni preliminare di tutti i partecipanti devono essere effettuate utilizzando esclusivamente il modulo FIPSAS allegato, dovranno pervenire, tramite il Presidente o suo delegato, al Comitato. Le Società iscritte al Campionato Provinciale, comunicheranno entro la data stabilita i nominativi dei propri iscritti che parteciperanno alle 4 prove del Campionato stesso e dovranno versare il contributo di partecipazione di tutte le 4 prove. NON VERRANNO ACCETTATE ISCRIZIONI ESEGUITE CON ALTRE MODALITA' OPPURE OLTRE IL PREDETTO TERMINE. LE ISCRIZIONI SI INTENDONO VALIDE SOLO DOPO AVER EFFETTUATO IL VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO D’ISCRIZIONE.


E’ possibile, tramite comunicazione scritta alla Sezione Provinciale, iscrivere, durante il Campionato, nuovi Tesserati.
Il CONTRIBUTO DI ISCRIZIONE è fissato, per ogni singola prova in Euro 8,00 (32 euro per le 4 prove).
Le società possono iscrivere fino ad un massimo di 4 squadre di 3 componenti ed un numero illimitato di individuali.
Per una migliore gestione delle singole manifestazioni il Presidente di ogni società dovrà nuovamente comunicare i propri atleti partecipanti ad ogni singola prova (anche le squadre) entro il mercoledì sera antecedente la gara, compilando il modulo che le sarà inviato dalle società organizzatrici.

Sarà cura dei Presidenti, riportare nell’ apposito modulo d ’iscrizione, il numero di tessera di ogni
singolo atleta. Non saranno iscritti alla prova, gli Atleti, che nell’ apposito modulo , risultino privi del numero di tessera.


Art. 7 - VALIDITA’ DELLA MANIFESTAZIONE
La Selettiva o il Campionato Provinciale sono validi se i partecipanti alla prima prova sono almeno 10.
Nel caso in cui una prova venga annullata dovrà essere recuperata e il sorteggio dovrà essere effettuato in virtù della classifica parziale prima della prova recuperata. Tale prova sarà considerata in ordine cronologico con le precedenti. Ai fini del quorum saranno considerate le prime 2 prove effettivamente svolte.


Art. 8 - OPERAZIONI PRELIMINARI
Le operazioni preliminari, consistenti nella verifica della posizione Federale dei singoli partecipanti, avverranno alla presenza di un G.d.G. dalle ore 15,00 del giovedì antecedente le singole prove presso la sede del Comitato Provinciale Fipsas o in luogo diverso da comunicare con preavviso di sette giorni prima della data di effettuazione di ogni
prova. Lo stesso giorno si procederà al sorteggio per la formazione dei settori e vi potranno assistere rappresentanti dei concorrenti con l’incarico di osservatori. Eventuali sostituzioni dei concorrenti potranno essere accettate previa comunicazione scritta non oltre l’effettuazione dei sorteggi. Dopo l’esposizione dei settori non sarà più possibile effettuare sostituzioni.
Il sorteggio di ogni singola prova dovrà essere fatto in modo tale che ogni Società sia rappresentata ugualmente in ogni eventuale zona ed ogni settore evitando, ove possibile, scontri diretti tra concorrenti della stessa Società di provenienza.
La composizione dei settori, nelle prove successive, evitando scontri diretti tra concorrenti della stessa Società, dovrà tenere conto della classifica parziale.

Art. 9 - RADUNO
Tutti i concorrenti dovranno trovarsi, a disposizione del Direttore di Gara, nelle date, luoghi ed orari indicati in occasione delle fasi preliminari. Saranno considerati assenti i concorrenti che non si presentano all’ora del raduno, o che non abbiano
provveduto a comunicare il ritardato arrivo, anche a mezzo telefono. Si rammenta che la Circolare Normativa 2015 prevede sanzioni per tali comportamenti.


Ad insindacabile giudizio del Giudice di Gara, potranno essere ammesse sostituzioni di Atleti facenti parte di una Squadra, regolarmente iscritti ma impossibilitati a partecipare, con altri Atleti, già iscritti come individuali. In caso di condizioni meteo
marine avverse, l’orario per il raduno dei concorrenti può subire rinvii nell’arco della giornata. La comunicazione dovrà avvenire mediante avviso scritto e affisso nel luogo del raduno da parte del Direttore di Gara. La comunicazione dovrà contenere la nuova località di raduno, il giorno e l’ora. La stessa, dal momento della sua affissione, diventerà parte integrante del Regolamento, che tutti i partecipanti per effetto della loro iscrizione sono tenuti a conoscere ed osservare.

Art. 10 - INIZIO E TERMINE DELLA GARA
Premesso che ogni gara ha inizio al momento fissato per il raduno dei concorrenti e termina dopo la cerimonia di premiazione, L'inizio e la fine della gara saranno dati mediante segnale acustico dal Direttore di Gara o dagli Ispettori da questi designati, il fine gara verrà dato con 2 segnali acustici, di cui il primo 5 minuti prima della fine ed il secondo al termine della gara, al secondo segnale l’eventuale pesce allamato ancora in acqua non è valido.

Art.11 - PREDE VALIDE
Per la manifestazione oggetto del presente regolamento è prevista l’adozione del “catch and release” da effettuare mediante misurazione in centimetri ed immediato rilascio delle prede catturate da parte dell’Ispettore di Sponda o del personale preposto dalla direzione di gara. Ai fini della classifica sono considerati validi i pesci di mare catturabili con
le tecniche consentite dalle norme di gara, nel rispetto delle misure minime riportate nella tabella FIPSAS. Il documento che attesta l’effettivo pescato è il cartellino del concorrente il quale dovrà necessariamente contenere:
• il numero progressivo delle catture;

• l’indicazione della specie;

• la misura effettiva della preda;

• la firma dell’Atleta a convalida immediata di ciascuna preda. In nessun caso saranno accettati reclami su quanto contenuto nel cartellino del concorrente. Ogni cattura deve essere segnalata prima possibile agli Ufficiali di Settore.
Ai fini della classifica non sono validi molluschi, crostacei, cefalopodi, sarde e acciughe.
I PESCI AL DI SOTTO DELLE MISURE CONSENTITE DOVRANNO ESSERE IMMEDIATAMENTE RIGETTATI IN ACQUA E NON POTRANNO IN ALCUN MODO ESSERE CONTABILIZZATI PER LA CLASSIFICA.

La responsabilità, circa la specie e la misura delle prede, è esclusivamente del concorrente.
Deve essere sua cura conservare il pescato nel modo più corretto possibile
.
Ai fini della classifica non sono validi molluschi, crostacei, cefalopodi sarde e alici.

Art.12 - CONDOTTA DI GARA
Tutti i concorrenti sono tenuti al rispetto del presente Regolamento. In particolare sono tenuti ad osservare
le seguenti disposizioni:

a) tenere un contegno corretto nei confronti degli Ufficiali di gara e di tutti gli incaricati dall’Organizzazione;

b) sottoporsi, se richiesto, ad un controllo prima dell'inizio della gara ed a eventuali successivi accertamenti da parte degli Ufficiali di gara;

c) il concorrente deve operare nel posto a lui assegnato, come indicato al successivo punto "P". L'azione di pesca può essere esplicata esclusivamente nello spazio individuale assegnato senza entrare in acqua. Non deve essere invaso lo spazio assegnato a posti contigui anche se casualmente liberi né spazi neutri. Il concorrente che effettuasse la competizione in un posto non assegnatogli verrà considerato assente. Nel caso che il pesce allamato richieda l'invasione dello spazio contiguo, la relativa azione di pesca deve essere favorita dai concorrenti dei posti vicini, anche con il ritiro delle proprie attrezzature. E' consentito l'uso del guadino per il recupero delle prede allamate, anche a piede bagnato. Nel caso di necessità per l'uso del guadino può essere richiesta la collaborazione del solo Ufficiale di settore. L'uso del guadino è consentito in forma strettamente personale esclusivamente per il recupero delle prede allamate e non potrà essere dato né ricevuto in prestito;

d) dopo il segnale d’inizio gara e fino al termine della stessa e la convalida del pescato, il concorrente non può ricevere né prestare aiuto (salvo quanto prima indicato), avvicinarsi ad altri concorrenti o estranei, né da questi farsi avvicinare. Il concorrente, che per qualunque motivo deve allontanarsi dal proprio posto, deve avvertire il proprio Ufficiale lasciandogli il pescato, contenitore ed attrezzatura e dovrà interrompere l'azione di pesca con il ritiro delle canne dall'acqua;

e) a fine gara o singola prova, ogni concorrente resta fermo al proprio posto nell’attesa degli Ufficiali di settore per la firma del cartellino a convalida delle prede.

f) In caso di eventuale contestazione sul pescato l’ufficiale di settore annoterà sul cartellino gli estremi della contestazione.

g) il pescato DEVE essere conservato in un contenitore IDONEO con ACQUA ed OSSIGENATORE. Il concorrente è l’unico responsabile del pescato sino alla firma del cartellino comprovante la cattura/le catture effettuate e la relativa misurazione.

h) E’ consentito l’utilizzo di una sola canna in pesca;

i) la misura massima della canna non potrà essere superiore a metri 5 (cinque). Su ogni canna si possono montare al massimo tre ami. Ogni concorrente può avere un numero illimitato di canne di riserva e le stesse devono essere rivolte verso terra alle spalle del concorrente e non possono essere altresì poggiate sullo stesso sostegno della canna in pesca. Alle eventuali canne di riserva non possono essere collegati terminali o piombi, quindi possono avere il solo aggancio per il trave terminale. E' consentita la riserva di calamenti o travi terminali innescati;

j) non è ammessa alcuna forma di pasturazione né l'utilizzo di sostanze chimiche. E’ consentito l’eventuale uso di qualunque materiale, anche fluorescente o fosforescente, purché gli stessi siano inseriti sul bracciolo e non sull’amo

(N.B. Il materiale inserito sul bracciolo può anche “toccare” l’amo purché non sia inserito sullo stesso);

k) Non è consentito l’uso di sorgenti luminose autonome (tipo star light e mini strob) sotto il pelo dell’acqua;

l) non è consentito posizionare alcun tipo di galleggiante su braccioli scorrevoli sul trave (compreso teleferica) e comunque non può essere di dimensioni tali da annullare il peso e la funzione del piombo. (N.B. Il galleggiante può essere inserito: su braccioli bloccati tra due nodi o perline o simili, distanti tra loro pochi mm; su braccioli fissati direttamente sul trave; su travi terminali con piombo scorrevole).

m) la misura dell'amo è libera; gli stessi possono essere di qualunque colorazione;

n) al segnale di fine gara eventuale pesce allamato ancora in acqua non è valido;

o) le esche naturali sono libere ad esclusione del bigattino o simili, del sangue, del pesce vivo e naturalmente degli artificiali. Il pesce morto, se tra le prede valide, utilizzato come esca deve essere decapitato.

p) durante le ore notturne il concorrente può essere munito di sorgente luminosa il cui fascio non può essere indirizzato sui concorrenti vicini o in direzione del mare. Coloro che, per motivi diversi, si potranno trovare in difficoltà, lampeggeranno ripetutamente verso l’Ufficiale di settore, il quale tempestivamente accorrerà in soccorso;

q) in caso di variazione della marea è consentito uno spostamento parallelo dei posti di gara in relazione al bagnasciuga;

r) piombatura minima 50 grammi. Il peso del piombo dovrà essere adeguato, nei limiti possibili, alle condizioni meteomarine al fine di evitare l’invasione della postazione laterale. Non è consentito l'uso di bombarde o simili, NON è consentito l’uso di temolini;

s) ogni concorrente deve operare con la canna nello spazio tra il proprio picchetto e quello successivo. Lasciando liberi 5 mt a destra e 5 mt a sinistra dello spazio assegnato. Lo spazio tra due picchetti deve essere di minimo 15 metri;

t) è assolutamente vietato il lancio pendolare;

u) ogni cattura deve essere segnalata immediatamente all'Ufficiale di Settore o al concorrente più vicino in caso di assenza dell'Ufficiale. Tale atto è obbligatorio anche se non esclude eventuali reclami. Sul cartellino personale del concorrente deve riportarsi, a cura dell’Ufficiale di Settore, il tipo e la misura della preda oltre alla convalida della stessa con la firma.
LE PREDE NON “SEGNALATE” NON SARANNO CONVALIDATE . Per L’INOSSERVANZA DELLE NORME PARTICOLARI SOPRA INDICATE e di quanto previsto nella Circolare Normativa vigente verranno adottati, secondo le specifiche previsioni, i provvedimenti di Esclusione, Retrocessione e Penalizzazione.

Art.13 - UFFICIALI DI SETTORE
I tesserati impiegati dalle società come Ufficiali di Settore (due per settore e possibilmente di società diverse) devono vigilare sul regolare svolgimento della competizione, convalidano le prede e ricevono eventuali ricorsi verbali che annoteranno sul cartellino dell’Atleta. Ad essi non è consentito, in alcun modo, autorizzare presenze estranee sul campo di gara o prendere decisioni di carattere punitivo verso gli Atleti. In quest’ultimo caso sono tenuti ad informare il Giudice di Gara ovvero riportare eventuali infrazioni sul cartellino dell’Atleta.

Art.14 - PULIZIA DEL CAMPO DI GARA
Durante e/o al termine della manifestazione i concorrenti hanno l’obbligo di non abbandonare sul posto di gara, o gettare in acqua, rifiuti di qualsiasi genere e natura. Le spiagge debbono essere lasciate pulite da rifiuti di qualsiasi genere.
Le Società organizzatrici sono tenute a fornire idonei contenitori per la raccolta finale di tutti i rifiuti che dovranno essere successivamente trasportati al più vicino posto di raccolta di Nettezza Urbana.
E' FATTO OBBLIGO RISPETTARE E TUTELARE LA NATURA, NONCHÉ’ DENUNCIARE EVENTUALI COMPORTAMENTI SCORRETTI DA PARTE DEI CONCORRENTI O DI ALTRE PERSONE AVENTI ATTINENZA CON LA GARA.
Eventuali infrazioni comporteranno la retrocessione del concorrente ed il deferimento agli organi di giustizia sportiva
.

Art.15 - OPERAZIONI DI MISURAZIONE
La misurazione del pescato sarà effettuata, nell’ambito della postazione di pesca di ogni concorrente dagli ufficiali di settore. Sul cartellino gli ufficiali di settore riporteranno la specie e la misura reale, espressa in centimetri e millimetri, di ogni cattura e faranno convalidare la cattura dalla firma del concorrente.
In nessun caso l’ufficiale di settore dovrà prendere posizioni in merito a contestazioni. Procederà come previsto all’art. 12 par. f.
Alla fine della competizione ogni concorrente dovrà firmare il cartellino a convalida di tutte le catture. Il cartellino sarà controfirmato dagli ufficiali di settore prima di essere consegnati al GdG.

Art.16 - SISTEMA DI PUNTEGGIO E CLASSIFICHE
Le classifiche saranno determinate in base alla misurazione in centimetri del pescato (un punto per ogni centimetro con arrotondamento per eccesso). Ecco alcuni esempi per esplicare al meglio la nuova metodologia di punteggio:
1. sul cartellino è riportata una mormora di 21,3 cm., in fase di stesura della classifica sarà portata a 22 cm., quindi punti 22;
2. sul cartellino è riportata una leccia stella di 14,1 cm,, in fase di stesura del punteggio di classifica sarà
considerata 15 cm., quindi punti 15.


GLI UFFICIALI DI SETTORE DOVRANNO RIPORTARE LA MISURA REALE DELLE CATTURE, LASCIANDO L’ARROTONDAMENTO AL GDG.
La cattura è ritenuta valida nel momento in cui si trova sul gradino di battigia
.

La classifica di settore sarà determinata dal punteggio conseguito da ogni concorrente. A parità di punteggio prevarrà il maggior numero di catture ed in caso di ulteriore parità si assegnerà la media delle penalità.
Al termine del Campionato sarà redatta la classifica sommando le 3 migliori penalità che ogni concorrente avrà conseguito nelle singole prove. In caso di parità prevarrà il concorrente con i migliori piazzamenti ottenuti nelle 3 migliori prove, in caso di ulteriore parità, prevarranno in ordine le seguenti regole: il maggior punteggio conseguito nelle 3 prove; il maggior numero di prede catturate nelle 3 prove.
La classifica per Società sarà redatta in base a quanto stabilito nella Circolare Normativa 2014.

la somma dei piazzamenti ottenuti dalla migliore squadra, indicata dalla Società e composta da tre Atleti.
La classifica finale sarà redatta sommando i risultati delle 4 prove
.

In caso di parità prevarranno in ordine le seguenti regole: i migliori piazzamenti della squadra ottenuti nelle singole prove,il maggior punteggio conseguito nelle 4 prove.

Art.17 - PREMIAZIONI
In rapporto alle suddette classifiche saranno aggiudicati e consegnati i seguenti premi:

1° classificato Medaglia FIPSAS

2° classificato Medaglia FIPSAS

3° classificato Medaglia FIPSAS

1a Società classificata Coppa più tre Medaglie FIPSAS

2a Società classificata Coppa più tre Medaglie FIPSAS

3a Società classificata Coppa più tre Medaglie FIPSAS

4a Società classificata Coppa

5a Società classificata Coppa

Il concorrente che non si presenta a ritirare il premio assegnato, perde il diritto al premio stesso, che sarà incamerato dall'Organizzazione. Potrà non presenziare soltanto in caso di forza maggiore e se avrà preavvertito in tempo debito il Direttore di Gara e delegato altri al ritiro.

Art.18 - RECLAMI
Ogni concorrente ha facoltà di proporre reclamo ai sensi delle disposizioni contenute nella Circolare Normativa dell’anno in corso.

• Non sono ammessi reclami concernenti la misurazione ed il peso del pescato.

• I reclami devono essere presentati in forma scritta, debitamente motivati e con contestuale versamento della somma

stabilita dalla Circolare Normativa per il rimborso delle spese di giudizio.

• I reclami contro la condotta di gara di altri concorrenti devono essere notificati all'atto del rilievo, all'Ufficiale di Gara

più vicino o al Direttore di Gara e presentati, per iscritto, al Direttore di Gara entro 60 minuti dal termine della gara.

• I reclami avverso l’operato del Giudice di Gara o degli altri Ufficiali di Gara debbono essere preannunciati per iscritto

al Giudice di Gara stesso entro 60 minuti dal termine della gara e fatti pervenire per scritto, entro 7 giorni, accompagnati

dalla tassa per spese di giudizio, al Coordinatore territorialmente competente dei Giudici di Gara.

• Ogni concorrente che si faccia autore di un reclamo deve provarne il fondamento e deve essere sempre sentito dal Giudice di Gara.

• I reclami avverso le operazioni di punteggio, classifica o errori di trascrizione debbono essere presentati per iscritto al Giudice di Gara entro 30 minuti dall’esposizione della classifica relativa.

• I reclami sono decisi seduta stante dal Giudice di Gara, dopo aver esperito la necessaria fase istruttoria.




Art. 20 - RESPONSABILITA’
I partecipanti hanno l’obbligo di adottare tutti quegli accorgimenti atti ad evitare danni alle persone e alle cose. L’Autorità Marittima, la FIPSAS, il Delegato Provinciale interessato, la Società Organizzatrice, gli Ufficiali di Gara e gli Ispettori, sono esonerati da ogni e qualsiasi responsabilità per danni o incidenti di qualsiasi genere che, per effetto della gara, possano derivare alle persone o alle cose attinenti alla gara o a terzi.

Art. 22 - NORMA DI RINVIO Per quanto non è espressamente previsto dal presente Regolamento Particolare, si applicano le disposizioni contenute nella Circolare Normativa per l’anno in corso. MISURE MINIME DEI PESCI.










Share on Google Plus

Claudio Tropeano

Amante della pesca, in particolar modo del surf casting. Pubblico i video delle mie battute di pesca abbinandoli alla mia seconda passione, after effect "CS6", creando video d'impatto!!!